La salubrità dell’aria durante l’emergenza Covid-19

Operaio in industria
I suggerimenti delle associazioni mondiali sulla climatizzazione
7 Luglio 2020
Raffrescatore in fabbrica
La climatizzazione ideale degli ambienti industriali
4 Agosto 2020
Vedi tutti

La salubrità dell’aria durante l’emergenza Covid-19

Sicurezza sul lavoro

Covid-19: in breve

Il coronavirus SARS-CoV-2 è un ceppo virale zoonotico, in grado di compiere il salto di specie e di passare dall’animale all’uomo, determinando nell’organismo ospite una sindrome infettiva respiratoria, il Covid-19, di varia entità e gravità.

La trasmissione dell’agente patogeno da un individuo all’altro avviene per via aerea, tramite l’emissione di particelle in forma di goccioline di saliva in sospensione spesso infinitesimali, veicolate dal respiro, da un colpo di tosse o attraverso un banale starnuto.
Ma il contagio può verificarsi anche entrando in contatto con ambienti e superfici contaminate da una persona infetta, sulle quali il virus si deposita e continua a sopravvivere per alcuni giorni. Con il risultato che, portandosi poi le mani a occhi, naso e bocca, c’è un elevato rischio di contagio a propria volta.

Da qui la necessità di osservare innanzitutto una rigorosa igiene delle mani e di mantenere il più possibile aerati e sanificati spazi e ambienti.

 

Aria salubre e ambienti igienizzati: come proteggersi

Sanificare gli ambienti e far circolare aria pulita rientrano tra le principali prescrizioni dettate dall’OMS e dalla comunità scientifica, nonché da diverse organizzazioni mondiali che si occupano di climatizzazione, refrigerazione e riscaldamento.
Tutti gli studi concordano sull’assoluta importanza della bonifica e di una corretta climatizzazione di spazi condivisi e luoghi collettivi e affollati, quali uffici e posti di lavoro, ospedali, scuole, palestre e centri commerciali. Una buona pratica che, se correttamente messa in atto in ambienti chiusi, consente di ottenere una significativa diminuzione della concentrazione del virus nell’aria e una conseguente riduzione del rischio di trasmissione.

 

Raffrescatori industriali: modalità di utilizzo

Grazie a impianti di ventilazione e condizionamento provvisti di un efficace sistema di filtrazione, è possibile garantire la massima igiene e protezione; I raffrescatori industriali rappresentano una tra le soluzioni più efficaci e sicure.

Per un utilizzo ottimale degli impianti di aerazione e climatizzazione, i ricercatori individuano una serie di linee guida da seguire, tra cui: incrementare la portata di aria dall’esterno, garantirne il corretto filtraggio, prolungare i tempi di funzionamento degli impianti estendendoli anche h24, modulare la velocità di ventilazione nelle diverse fasi della giornata, mantenere il livello di umidità relativa al di sopra del 40% ma, soprattutto, evitare il ricircolo e con esso i potenziali rischi di contaminazione che ne derivano.

 

Depurazione e filtraggio dell’aria: vantaggi e benefici

Se dunque la prescrizione fondamentale resta quella di favorire al massimo la circolazione e il ricambio di aria nuova e pulita, è altrettanto vero che i depuratori e i dispositivi in grado di filtrarla riducono notevolmente il rischio di esposizione a virus, batteri e agenti patogeni.

Un raffrescatore evaporativo è un impianto di trattamento dell’aria che, diversamente dai climatizzatori classici, grazie al suo sistema di evaporazione non ricicla sempre la stessa aria ma provvede a prelevarla dall’esterno in portate elevate, particolarmente adatte per grandi volumi, a filtrarla e restituirla, migliorandone la qualità, rinfrescata nell’ambiente.

È per questo che l’immissione continua di aria esterna opportunamente trattata tramite raffrescamento evaporativo rappresenta, insieme alla corretta installazione e manutenzione degli impianti in uso, una delle buone pratiche di prevenzione per assicurare un ambiente sano, igiene, tutela della salute ed elevata qualità di ciò che respiriamo.