I danni dei liquidi refrigeranti sull’ambiente

Ecologia e impatto ambientale
New Green Deal e Raffrescatori Evaporativi Industriali
12 Gennaio 2021
raffrescatori industriali allevamenti
Abbattimento delle temperature estive in stalla: webinar gratuito
8 Febbraio 2021
Vedi tutti

I danni dei liquidi refrigeranti sull’ambiente

Riscaldamento globale

Cambiamento climatico e inquinamento sono ormai due realtà indiscutibili e in continuo aumento. Le quantità di gas serra presenti nell’atmosfera hanno da tempo raggiunto livelli che non hanno precedenti e i fenomeni climatici sono sempre più frequenti e violenti, con il loro triste seguito di perdite di vite umane e di sconvolgimento dell’intero ecosistema. Per impedire che la situazione diventi senza ritorno è doveroso correre rapidamente ai ripari, intervenendo in ogni settore in grado di limitare il surriscaldamento globale.

Gas serra: cosa sono e perché sono nocivi

I gas serra sono naturalmente presenti nell’atmosfera e hanno il compito di aumentare la temperatura terrestre in modo da creare e mantenere le condizioni idonee al riprodursi della vita. In natura, tuttavia, questi gas sono presenti in quantità limitate mentre quelli di natura antropica, dovuti quindi all’azione dell’uomo, sono decisamente elevati, tanto da essere ritenuti colpevoli del surriscaldamento globale del pianeta e dell’effetto serra.

I gas serra naturali catturano e immagazzinano i raggi del sole che vengono riflessi sulla Terra favorendo il riscaldamento del clima. Le attività dell’uomo, l’inquinamento da parte delle industrie con l’emissione di scorie e di gas mettono a rischio questo equilibrio dando il via a pericolosi cambiamenti climatici.

Danni dell’inquinamento industriale

I fluorocarburi utilizzati negli impianti di refrigeramento domestici e industriali sono fra i primi responsabili dell’inquinamento industriale e delle sue conseguenze. I liquidi e i gas impiegati per il mantenimento della temperatura nei grandi ambienti hanno un peso significativo a danno del Pianeta. Fortunatamente, però, il settore della refrigerazione commerciale, pur avendo un elevatissimo impatto ambientale, è tuttavia quello che consente di ottenere margini di miglioramento decisamente ampi.

Inquinamento dell’aria: gli effetti sulla salute

Lo smog contiene al suo interno una serie di polveri sottili, particelle, liquidi volatili e gas dannosi per la salute. Si conosce ormai, anche a seguito della pandemia di Covid-19, la correlazione tra lo sviluppo di patologie virali e il livello di inquinamento atmosferico. I danni da inquinamento, tuttavia, non si fermano qui. Fra le patologie dell’apparato respiratorio sono presenti asma bronchiale o infezioni respiratorie acute, bronchite cronica, tosse persistente e broncopneumopatia cronico ostruttiva.

Il triste elenco di patologie legate all’inquinamento non è ancora finito e si devono aggiungere diabete, tumori, demenze, malattie renali e possibili effetti nocivi durante la gravidanza. Insomma, è davvero ora di correre ai ripari.

Sviluppo sostenibile e raffrescatori evaporativi

Considerando l’impatto ambientale legato agli impianti di raffrescamento è evidente quanto, per un futuro ecosostenibile, sia importante intervenire in questo settore. Uno dei fattori di svolta è affidato ai raffrescatori industriali che riducono sensibilmente il consumo di energia e consentono di ventilare e raffrescare anche locali di medie e grandi dimensioni.

Il raffrescatore evaporativo, il cui funzionamento si basa su un principio della fisica, umidifica l’aria presente all’esterno e la veicola internamente all’edificio, rinfrescandolo senza utilizzare i liquidi refrigeranti indispensabili per il funzionamento dei condizionatori classici. L’installazione del raffrescatore industriale è semplice e l’apparecchio garantisce, all’interno dell’edificio in cui è in uso, un ricambio costante dell’aria che sarà sempre fresca e pulita, a vantaggio dei costi di gestione, dell’ambiente e del benessere dei lavoratori.